Tutto sulla pasta

Tutto sulla pasta

Ancora oggi non c’è una vera risposta alla questione riguardo chi abbia inventato la pasta. I Cinese, gli arabi e gli italiani sono i primi a venire in mente tra i possibili candidati. Secondo una delle teorie, la pasta era già famosa 5000 anni fa in Cina. Gli arabi iniziarono a cucinare la pasta nel V secolo a.C. Ci sono documenti che affermano che gli antichi romani preparavano l’impasto per la pasta con acqua e farina, poi lo friggevano, lo tagliavano a strisce e lo servivono con la salsa.

È un dato di fatto che nel 1292 Marco Polo portò dalla Cina in Italia qualcosa di simile alle tagliatelle. Tuttavia, gli storici implicano che la pasta era già ampiamente diffusa e conosciuta in Italia prima di allora. Su Una delle tombe etrusche sono raffigurati gli utensili per la produzione della pasta: una tavola per stendere l’impasto, un mattarello e una ruota per tagliare la pasta, cioè tutti gli strumenti che vengono utilizzati ancora oggi per preparare la pasta.

In Sicilia nel 12° secolo la gente mangiava un tipo di pasta lungo e sottile, che ricorda gli spaghetti moderni. Nel frattempo in Calabria la gente imparava ad arrotolare la pasta a forma di tubo. Un libro di cucina del 13 ° secolo, reso pubblico prima che Marco Polo tornasse dalla Cina, descrive alcuni tipi di pasta tra cui ravioli, vermicelli e tortellini. La presenza della pasta in Italia prima di Marco Polo è comprovata da documenti, immagini e incisioni custoditi nel Museo della Pasta di Roma.

Durante il Rinascimento, i ricchi fiorentini mangiavano la pasta con zucchero e spezie costose; invece i poveri mangiavano spesso pasta con aglio, formaggio, verdure e senza spezie. A quel tempo la pasta era sempre fatta in casa e fresca. La pasta secca fu prodotta per la prima volta a Napoli. È stato reso noto che nelle vicinanze della città ci siano ottime conzioni per coltivare il grano duro, da cui si ricava la farina per la pasta, mentre la combinazione unica di vento e sole è ottima per l’essicazione della pasta. Infatti Ben presto Napoli fu circondata da fabbriche e la produzione di pasta prese piede a livello industriale. I primi tipi di pasta prodotti nelle fabbriche furono le penne e gli spaghetti. Alla fine del XVIII secolo fu aperto il primo pastificio a Odessa.

Una breve cronologia dello sviluppo della produzione di pasta

RATING POPULARITY OF PASTE

Tipi di pasta
Oggi il mercato offre più di 600 tipi di diverse forme di pasta. Inoltre, la loro meravigliosa diversità può variare dai classici tubi alle racchette da tennis. Quasi ogni evento significativo nel mondo può ispirare i produttori a creare un nuovo tipo di forma di pasta.
La classificazione della pasta per forma e misura:
Classificazione dei tipi di pasta in base della preparazione:
CURIOSITÀ SULLA PASTA

Italia e Pasta

In Italia, tutti i tipi di ” maccheroni” sono chiamati “pasta” perché in italiano significa “pasta per tagliatelle”. Le ricette classiche italiane per la preparazione della pasta prevedono solo farina di grano duro.

La pasta è un prodotto piuttosto dietetico. Una porzione di pasta cotta contiene circa 200 calorie, 40 carboidrati, meno di 1 g di grassi e 1 g di sale. La pasta non contiene il colesterolo ed è facilmente digeribile.

Grazie all’alto livello di vitamine del gruppo B, la pasta ha un effetto positivo sull’umore, aiuta a far fronte allo stress e al mal di testa. La vitamina E è ottima per la pelle, e i carboidrati nella pasta diminuiscono il rischio di malattie cardiovascolari, aterosclerosi e perdita di memoria senile. La fibra rende la pasta un piatto sano per le persone che soffrono di malattie gastrointestinali.

Nella città italiana di Gragnano, il compleanno della pasta viene celebrato il 24 novembre. Durante l’ultima celebrazione, sono stati proiettati i film sugli spaghetti.

La prima azienda produttrice di pasta “Il Pastificio Buitoni” fu fondata nel 1827 da una donna di nome Giulia Buitoni. Questa azienda esiste ancora oggi ed è uno dei più grandi produttori di pasta al mondo.

Record di pasta e curiosità